Giochi e Curiosità: Il Guerriero di Capestrano.

Era una fresca primavera del 1934 quando un contadino abruzzese, arando il terreno per preparare la vigna, incappò in un sasso dalla forma strana, un … “mammoccio”, un bambolotto, in dialetto locale. E così, casualmente, fu ritrovata questa imponente statua di oltre due metri, il più celebre guerriero italico. La statua è ricavata da un unico blocco di pietra, le braccia sono ripiegate sul petto con le mani aperte e il pollice divaricato, in segno di regalità, in testa indossa un elmo da parata con larga tesa e cresta di piume. Nei due pilastrini laterali che sorreggono il guerriero sono incise due lance, su una si riesce a leggere un’enigmatica iscrizione, una vera macchina del tempo. Il re Nevio Pompuledio, un principe del popolo Piceno, ci parla dal passato e nella sua lingua antica ci dice: “MA KUPRI KORAM OPSUT ANANIS RAKI NEVII” che probabilmente significa “mia bella immagine fece Ananis per il re Nevio”. E oggi noi lo possiamo ancora guardare e…leggere le sue parole, come fosse una nuvoletta di un fumetto di 2600 anni fa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *